La Pgi al Salone del Libro di Ginevra e l'italiano in Svizzera
Prestigiosi relatori e ospiti per la presentazione di Capito?

MarioliniSi è chiusa con successo la presenza della Pro Grigioni Italiano al Salone internazionale del Libro di Ginevra, presenza che il Sodalizio – unico editore della Svizzera italiana – assicura ogni due anni grazie all’impegno della propria sezione romanda.

Diversi sono stati i visitatori – italofoni di varia origine e non – che sono «approdati» allo spazio della Pgi (questa è la giusta espressione, essendo tale spazio una piccola isola nel grande e mosso oceano della fiera libraria ginevrina) curiosando tra i libri e facendo domande.

Come annunciato la scorsa settimana (leggi qui), la partecipazione della Pgi al Salone del Libro è stata coronata dalla presentazione del manuale-guida Capito? Comprendere l’italiano in Svizzera (OLSI, Bellinzona) ad opera delle coautrici Elena M. Pandolfi e Sabine Christopher, di Amelia Lambelet (CSP Friburgo) e della Delegata del Consiglio federale al plurilinguismo Nicoletta Mariolini, la quale ha giustamente sottolineato l’importanza «politica» – e non soltanto formativa – di questo volume nel contesto dell’Amministrazione federale.

Ha fatto particolare piacere in questa occasione la presenza tra il pubblico di diverse personalità di spicco, tra cui Charles Beer, già consigliere di Stato ginevrino, recentemente nominato dal Consiglio federale alla presidenza di Pro Helvetia, e Cornelio Sommaruga, noto soprattutto quale presidente emerito del Comitato internazionale della Croce Rossa.

Il prossimo appuntamento della Pgi al Salone del Libro di Ginevra è fissato al maggio 2016, nella speranza che l’opera di difesa dell’italiano – condotta su vari fronti da diversi attori, non da ultimo dalla Pgi – sia riuscita in quel momento a raccogliere sempre maggiori successi, nei Grigioni e nel resto della Svizzera.

 

Calendario eventi


Diamo voce ai volontari

G.SalaCitazione
Giancarlo Sala

La Pgi è…

un'unione allargata di grande modernità.